Cesare Botto

Cesare Botto è nato a Cuneo nel 1939, dove vive e lavora.

 

I primi anni '50 segnano il suo esordio come autodidatta. La conoscenza di Pinot Gallizio e l'amicizia di Ego Bianchi stimolano la sua vocazione verso la pittura.

 

Nel 1959 vince il 1° premio Augustus-Minerva (concorso aperto ai giovani che, in seguito, fonderanno "la tavolozza").

 

Nel 1960 tiene la sua prima personale a Cuneo presentata da Francesco Franco.

 

Nel 1961, frequenta a Torino i corsi di nudo all'Accademia Albertina e la sucola di Filippo Scroppo, a fianco di Griffa, Maggia, Tuninetto ec.

 

Nel 1969 è tra i fondatori del Gruppo "Antischema" (presentato ufficialmente dal critico Carlo Munari) assieme ad altri artisti piemontesi, con i quali sottoscrive il Manifesto sull'anticonformismo nell'arte.

 

E' invitato alla Quadriennale di Torino dal Museo d'Arte Moderna di Galati in Romania per una "personale", alle mostre internazionali di Torre Pellice, al British Art Fair di Londra, alla Promotrice di Belle Arti di Torino.

 

Nel 1972 realizza alcune serigrafie sulla reversibilità di lettere e numeri.

 

Partecipa ai premi Copparo, S. Vincent, Giaveno, Rivoli, Città di Varese, Città d'Imperia, a varie edizioni d'arte a Mondovì, al CAS di Benevento, a Treviso, Palermo, Foggia, Parma, Roma, Milano, Udine, Carignano, Asti, Alessandria, Nizza.

 

Nel decennio successivo si dedica con crescente interesse alla grafica, alla ceramica ed in particolare alla scultura.

 

Nel 1990 vengono presentate al SACA di Bologna tre serigrafie "Omaggio a grandi maestri".

 

Nel dicembre 1991 espone con gli amici di Scroppo al "Piemonte Artistico - Culturale di Torino" (catalogo a cura di M. Contini, G. Luzzi e F. Scroppo).

 

Nel 1992 aderisce al gruppo "Filo Rosso" (fondato a Milano nel 1988) con il quale organizza la mostra "Romania arte Italia" con il patrocinio della Regione Piemonte.

 

Collettive nel 1992 alla Galleria ARX (Torino); 150° Promotrice Belle Arti; II mostra nazionale Trivero.

 

Nel 1993 espone a Sanremo, Pordenone, Mondovì, Torino, Cuneo.

 

Nel 1994 espone alla Sala delle Colonne di Cuneo, Torino, Firenze, Ventimiglia, Voghera.

 

Nel 1995 espone a Torino, Cuneo, Alba.

 

1996: Mostra Antischema 1969-96 Cuneo; 5a edizione Prix Saccarel (scultura) a Tenda; Premio Cesare Pavese (Saluzzo); 155° Expo Promotrice Belle Arti Torino.

 

1998: Personale "Opere anni 60 e 90" presso la Galleria Tronci di Cuneo, con presentazione di Ida Isoardi. Esposizioni a Torino, Cuneo, Garessio.

 

1999: Mostre a Cuneo, Lomazzo (CO), Torino, Mestre (VE).

 

Nel 2000: Pittori italiani "Foire de Valence" Francia, Torino, Triora, (IM), Breil (F), Cuneo

 

Nel 2001: SculturaInardesia, Taggia (IM), mostre ad Alba, Saluzzo, Mondovì, Torino, Albissola Marina (SV)

 

Nel 2002: "Maestri Piemontesi", "Arte Contemporanea" a Cuneo

 

Nel 2003: è tra i fondatori dell'Associazione Culturale "Magau" Cuneo

 

Nel 2004: Espone a Villa Oldofredi Tadini, Facoltà di Agraria a Cuneo, Rassegna internazionale d'Arte Manta, Strutture e Sculture in S. Chiara a Cuneo, "Installazioni nel Bosco" al Centro studi Garexium di Garessio, "Paesaggio e Natura" alla Biblioteca Civica B. Milano di Farigliano Per la 58a Giornata del Progresso Grafico viene pubblicata a Torino una litografia a 4 colori.

 

Nel 2005: "The Art Card", rassegna internazionale Sharjah Museum Emirati Arabi Uniti, 20 artisti della Collezione "Progresso Grafico" all'AGFA Palace Milano, Decennale Galleria Porta Rose Garessio, Premio Idea Valcerrina (su invito Gio Ferri e Ugo Nespolo), Forne nello spazio (Scultura) SOMS Mondovì Piazza, "Multistrati" arte contemporanea Pal. S. Giovanni Cuneo.

 

2006: Mostra nel Palazzo Bertello a Borgo San Dalmazzo; mostra personale nella Chiesa S. Giovanni a Fossano.

 

Riconoscimenti:

 

• 1° premio Augustus Minerva Cuneo 1959

• 1° Premio "Giovani Artisti" - Savigliano 1963

• 1° Premio ex aequo Cinzano 1964

• 3° Premio Estemporanea Diano 1964

• 1° Premio Artisti Piemontesi Pontechianale 1965

• Targa d’argento Premio Gancia 1967

• Medaglia d’oro C.A. S. Benevento 1967

• 2°Premio ex aequo Mostra Naz. d’arte" - Canelli 1968

• 2°Premio Peveragno 1969

• 1° Premio “La Resistenza 24 anni dopo” 1969

• 1°Premio Mostra Naz. Foggia 1970

• 3° Premio “La Resistenza" Cuneo 1971

• 3° Premio Mostra di Pittura Città di Ceva 1990

• Premio Città di Vercelli - Trivero 1991

• 3° ex aequo "Cesare Pavese" S. Stefano Belbo 1991

• l°Premio "Cesare Pavese” S. Stefano Belbo 1992

• 3°Premio "Premio Matteo Olivero" - Saluzzo - 1998

• 1°Premio "Centro Studi Garexium" -Garessio 1998

• Menzione d’onore “M.Olivero” - Saluzzo 2001  

 

Di lui hanno scritto:

 

W. Accigliaro, M.A. Aimo, G. Bedoni, M. Berra I. Benelli, E. Briatore, A. Dragone, A. Dutto, De Benedetti, D. Donà, R. Fenoglio, C. Ferraresi, Giò Ferri, F. Franco, A. Galvano, G. Giordanengo, M. Giordani, C. Gramaglia, V. Guidotti, A. Jannace, G. Marchisa, R. Masoero, F. Mazzoli, R. Margonari, C. Morra, A. Moraschi, C. Munari, G. Pintus, A. Rossi, B. Sciarretta, F. Scroppo, L. Sostegni, Anna C. Toni, I. Isoardi, N. Tagliano, E. Perotto, M. Rosci, G. Biggi, G. Gasparotti, A. R. Gariglio, E. Horodniceanu, R. Cavallo, F. Gardinali, F. Giacosa, T. Michelotti, G. S. Brizio, L. Arnaudo, R. Baravalle. M. Tabacco. A. Abrate . C. Mana, C. Bertone. R. Cavallera, F. Barbero.

In Evidenza